Ammissibilità dell'impugnazione della parte civile contro le sentenze assolutorie anche se l'impugnazione non contenga il riferimento espresso alla statuizione riguardante gli effetti civili.

Cass., Sez. un., 20 dicembre 2012 (dep. 8 febbraio 2013), n. 6509, Pres. Lupo,  Rel. Davigo, ric. P.c. Buccino in proc. Colucci

Ai sensi dell’art. 576 c.p.p. la parte civile può proporre impugnazione contro la sentenza di proscioglimento “ai soli effetti della responsabilità civile”.

Si pone il problema delle impugnazione che sollecitano solo la condanna dell’imputato e la sua penale responsabilità senza esplicitare alcuna domanda circa le statuizioni civili.

0
0
0
s2smodern

di Massimo Migliorisi (*) - Rubrica a cura di Anutelcassetta della posta in stile industriale

La recente sentenza della Corte di cassazione del 14 dicembre 2016 n. 25791, che richiama l'ordinanza del 2 febbraio 2016 n. 2047, ripropone la questione della validità della notifica a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento.
La sentenza affronta il problema di individuare il dies a quo da cui far partire i termini per impugnare una delibera assembleare, quando il condomino non abbia ricevuto la raccomandata presso uno dei luoghi previsti per la notifica, ma sia andato all'ufficio postale a ritirare il plico, previo avviso rilasciato dall'agente postale in cassetta: il ricorrente sosteneva che il momento di perfezionamento della comunicazione doveva coincidere con la data del ritiro.

La norma
Il decreto del ministero dello sviluppo economico del 1° ottobre 2008, all'articolo 24 stabilisce che gli invii postali non recapitati all'indirizzo possono essere ritirati presso l'ufficio postale entro i termini di giacenza.

0
0
0
s2smodern

Cassazione penale, SS.UU., sentenza 28/03/2006 n° 7458

Le Sezioni Unite Penali della Cassazione hanno sancito,in via definitiva, l’applicabilità delle misure alternative alla detenzione anche al cittadino extracomunitario stabilendo il principio di diritto che “in materia di esecuzione della pena detentiva, le misure alternative alla detenzione in carcere (nella specie, l'affidamento in prova al servizio sociale), sempre che ne sussistano i presupposti stabiliti dall'ordinamento penitenziario,possono essere applicate anche allo straniero extracomunitario che sia entrato illegalmente nel territorio dello Stato e sia privo del permesso di soggiorno".

0
0
0
s2smodern

Page 2 of 2

Codice Deontologico Forense

crediti avvocati